La spia, Boyhood, The Judge – Ricciotto 84

Pubblicato martedì 11 Novembre 2014

Puntata affollata. Si parte con La spia, adattamento del romanzo di John Le Carré e ultimo film completato da Philip Seymour Hoffman: ad Aldo è piaciuto, nonostante le ingenuità del regista Anton Corbijn (quello di Control e The American).

La chiacchierata prosegue con Boyhood, che porta a un nuovo livello il discorso di Richard Linklater su tempo e cinema – discorso già al centro della trilogia di Prima dell’alba, Prima del tramonto e Before Midnight. Ne parliamo insieme al nostro Fabio “Faz” Deotto, che su Boyhood ha pubblicato un pezzo e che consiglia di leggere quello scritto da Claudia Durastanti.

Di suo, Aldo tira fuori un saggio di Andrej Tarkovskij che si può trovare nel libro La forma dell’anima.
E siccome finiamo a parlare del concetto moderno di eroe, Faz consiglia Stoner di J.E. Williams.

C’è spazio anche per The Judge, dove Robert Downey Jr. difende in tribunale papà Robert Duvall: niente di eclatante, un buon compitino.

E ci raccomandiamo: contribuite a questa raccolta fondi: è l’ultima settimana!

Argomenti

anton corbijn boyhood fabio deotto la spia ricciotto richard linklater robert downey jr. robert duvall the judge

Querty
Aggiornato il 11 Novembre 2014