Giorni di un futuro passato – Ricciotto 69

Pubblicato mercoledì 28 Maggio 2014

In questa puntata di Ricciotto i nostri eroi parlano dell’ultimo film degli X-Men, Giorni di un futuro passato (AmazoniTunes): che è un buon film, ottimo rispetto al film del 2006 e soprattutto ai due film su Wolverine, ma che non ha mai un momento di coinvolgimento emotivo totale, al contrario del precedente X-Men: L’inizio (AmazoniTunes). Se ne discute con Andrea Ferrari, di Edizioni BD e grande nerd della nostra famiglia di podcaster.

Però, intendiamoci: rispetto ai due film su Wolverine qui siamo in un universo meraviglioso. Non ci stancheremo di dirlo.

Giorni di un futuro passato è tratto da una delle saghe più famose dell’universo mutante, che riletta oggi appare forse un po’ datata, ma all’epoca definì pesantemente tutte le storie degli X-Men da lì in avanti.

Poi, in velocità, tocchiamo anche due dei film presentati a Cannes: Le meraviglie di Alice Rohrwacher (Amazon) e Map to the stars di David Cronenberg: secondo Aldo, la Rohrwacher ha fatto molto meglio di Cronenberg, e nonostante la Bellucci Le meraviglie è un film da vedere.

Argomenti

alice rohrwacher andrea ferrari david cronenber edizioni bd giorni di un futuro passato hugh jackman le meraviglie magneto map to the stars patrick stewart wolverine x-men x-men l’inizio xavier

Querty
Aggiornato il 28 Maggio 2014